Molfetta choc. Rapito un bambino di due anni

Molfetta choc. Rapito un bambino di due anni

Molfetta choc. Rapito un bambino di due anni

Un bambino di due anni sottratto da una comunità per minori. Il sequestro, come riportato da Il Mattino, sarebbe stato effettuato grazie alla complicità della mamma del bambino. Pertanto, sono stati avviate ulteriori indagini presso gli uffici degli assistenti sociali i quali hanno riferito che il piccolo era stato affidato alla comunità. Oltre ai due arrestati su Bari, ci sono tre denunciati "per aver favorito il sequestro del minore". I sospetti degli agenti sono diventati certezze quando da controlli incrociati e' emerso che la donna era anche lei indagata dalla Procura di Trani per la vicenda di Molfetta e che quel bambino non era suo. Sotto il coordinamento del pm di Bari Grazia Errede, avviarono accertamenti con appostamenti e intercettazioni.

Il 31 gennaio scorso è stata eseguita una ispezione nell'abitazione della donna, da cui si è accertato che il bimbo, insieme alla donna con cui era stato oggetto del controllo, risultava scomparso. E' emerso che il bambino sarebbe stato spostato di casa in casa, fra la Puglia e la Campania, ospitato di volta in volta da una persona diversa (tutte ora indagate). Il bimbo, con gravi patologie congenite, è stato rintracciato il 6 febbraio scorso. Quindi l'epilogo con l'emissione dei provvedimenti restrittivi. Il Comandante della Polizia Locale di Bari, Michele Palumbo, ha spiegato le modalità d'azione degli agenti: "L'attività - afferma - era partita in modo casuale". Lei pregiudicata, lui il suo compagno: arrestati. L'indagine della Procura di Bari ha portato in carcere i due conducenti dell'auto, una 53enne con precedenti per droga ed evasione e un 46enne incensurato, mentre a Bisceglie è finita in carcere la donna che ospitava il bambino.

Altre Notizie