Consiglio Calabria approva testo sulla legalità: 'Stretta sul gioco'

Calabria testo unico'ndrangheta gioco patologico

Calabria. Approvata la legge sul contrasto della criminalità e della ludopatia

Nel corso del dibattito prima del voto si segnala l'intervento del consigliere Domenico Donato Battaglia (Partito Democratico), firmatario di un emendamento che apporta specifiche modifiche ai commi 2, 4 e 13 dell'articolo 15 relativo alle tabaccherie, sottolineando che "la sicura affidabilità della categoria è la migliore garanzia del rispetto delle regole che presiedono tutte le attività di gioco", e ricordando "l'importanza anche dei corsi di formazione obbligatoria, indispensabili per conseguire l'idoneità professionale all'esercizio di rivenditore di generi di monopolio e per l'assegnazione della concessione". La proposta di legge, meglio conosciuta come legge anticlan o antindrangheta, è composta da 60 articoli e mira a sradicare organicamente il crimine mafioso attraverso disposizioni innovative nella direzione della diffusione di una cultura improntata all'etica pubblica.

La Calabria ha approvato la legge contro la 'ndrangheta che contiene importanti misure sulla ludopatia.

Particolarmente soddisfatto il consigliere Bova che ha ottenuto apprezzamenti e riconoscimenti unanimi dai rappresentanti di tutti i gruppi intervenuti in Aula. "Da oggi le persone oneste avranno ancora di più consapevolezza che questo palazzo è la casa dei cittadini onesti di Calabria". "Restano i limiti di una sfera di competenza che può esprimere un Consiglio regionale", ha aggiunto il presidente della Giunta Mario Oliverio. Questa non è una legge ordinaria. Con questa legge si affronta il problema in termini equilibrati e giusti, non dimenticando che attorno alle sale da gioco ruota anche un'economia legale, mentre altra cosa sono le attività ludiche che sfociano nel gioco d'azzardo. "Abbiamo previsto regole che cercano di evitare soprattutto che le fasce giovanili incontrino queste occasioni". "Perché la rete delle istituzioni locali possa ritrovarsi insieme una cultura della legalità condiviso".

Altre Notizie