Il Quirinale esclude rinvii: si va verso il preincarico

Governo Di Maio a Salvini tra qualche giorno il forno chiude

Il Quirinale esclude rinvii: si va verso il preincarico

"Faccio un appello: smettetela con gli insulti a vicenda, le ripicche, i veti e le polemiche. Se continua così e se continueranno a bisticciare, si stuferanno gli Italiani, mi stuferò io e tra un mese si tornerà alle urne, pertanto o la smettono o si vota". "Se ciascuno fa un passo a lato, si costruisce, si lavora". Salvini elencava i punti che più stanno a cuore alla (compatta) coalizione di centrodestra.

Nella giornata di giovedì 12 aprile è iniziato il nuovo giro di consultazioni al Quirinale in vista della formazione di un nuovo esecutivo.

"L'unica strada e' accordo centrodestra e M5s", altre strade non ce ne sono" altrimenti "meglio andare a votare". Rimane però il nodo Forza Italia che vorrebbe partecipare al governo, ma deve superare il veto di Di Maio. Il riconoscimento del valore della democrazia rappresentativa, appunto: con tutto il rispetto per il reddito d'inclusione et similia, è l'obiettivo che anche oggi dovrebbe essere l'anima della ricostruzione di una sinistra di governo.

Non vede l'ora che Salvini e Meloni si tolgano di mezzo, quasi li accompagna di lato al termine della dichiarazione, afferra i microfoni con cui intrattiene un rapporto profondamente fisico e torna la Sua Emittenza di sempre: "Mi raccomando fate i bravi, sappiate distinguere fra chi è un vero democratico e chi non conosce neppure l'abc della democrazia". Continuo a mantenere un atteggiamento zen, sereno, costruttivo, pacifico e di buon senso. Intanto al leader della Lega arriva un avvertimento da il Giornale di Silvio Berlusconi: in un editoriale il direttore Alessandro Sallusti evidenzia il fatto che nessuno del Carroccio ha difeso Berlusconi di fronte agli attacchi di Alessandro Di Battista. La questione del governo è molto seria e non si affronta al Vinitaly, che è un evento importantissimo ma per un settore.

Il terribile attacco chimico avvenuto nella città di Douma deve essere valutato dall'ONU, che con una commissione indipendente, deve stabilire cosa sia esattamente accaduto e chi siano i responsabili, affinché la comunità internazionale possa prendere tutte le misure necessarie per punire i colpevoli e impedire che azioni analoghe si ripetano. Lo dice Matteo Salvini, leader della Lega, in una diretta su Facebook. Ho fatto presente alle varie forze politiche la necessità per il nostro Paese di avere un governo nella pienezza delle sue funzioni.

"Apprezzo l'operato di Gentiloni degli scorsi giorni e di queste ore: il suo equilibrio e la sua misura" ha affermato Matteo Salvini, "Penso che l'intervento di stanotte sia pericolosissimo mi auguro che sia l'ultimo: non a caso Germania e Italia che fanno parte della stessa Alleanza non hanno neanche messo a disposizione le basi da cui partire per sganciare i missili".

Altre Notizie