Camera, incarichi Commissione speciale tutte a Lega M5S e Fi

Accordo M5S-Lega anche per la Commissione speciale della Camera

I risultati del sondaggio: i lettori chiedono un governo 5 Stelle + Lega

Lo ha detto il ministro della Giustizia uscente, Andrea Orlando, intervenendo a Radio Anch'io, la trasmissione radiofonica in onda su Rai Radio1.

Pensiamo che un fatto così grave sul piano politico istituzionale e morale debba essere censurato per primo dal sindaco della città, al quale già nelle scorse settimane ci eravamo rivolti affinché assumesse una posizione chiara e non equivoca sul tema delle benemerenze. Un auspicio che il rappresentante di un partito serio e responsabile non dovrebbe affatto nutrire se avesse a cuore le sorti dell'Italia.

Consigliamo al collega Pavesi di occuparsi delle dinamiche interne al proprio partito che non sembrano per grado di conflittualità dissimili da quello di altri. E' chiaro che servono però garanzie strategiche e numeriche: in mancanza è possibile che la presidente del Senato, Elisabetta Alberti Casellati, o un terzo estraneo alle forze politiche - un "papa straniero" - possano ricevere da Mattarella il compito di provare a formare un governo.

Andrea Mandelli (FI) e Giorgio Trizzino (M5S) sono stati eletti vicepresidenti rispettivamente con 15 e 14 voti, mentre i segretari sono Vittorio Ferraresi (M5S) e Paolo Russo (FI). "Il Pd non candiderà nessuno alla presidenza della commissione speciale". Da valutare, invece, la possibilità di sentire i vertici di Cdp, come chiesto da Pd e LeU: "Vedremo, c'è un perimetro di attività di questa commissione che è stabilito dalla conferenza di capigruppo e deliberato dall'aula e sarà sempre la capigruppo a integrare il nostro lavoro". La Lega esprime anche il presidente, Nicola Molteni. Avvocato, Molteni viene considerato tra i consiglieri più ascoltati da Matteo Salvini. Il presidente Mattarella finora non ha forzato, ma la situazione internazionale potrebbe richiedere un'accelerazione del processo di formazione dell'esecutivo.

In effetti, nelle ultime ore, si sta anche iniziando a parlare di un possibile accordo (o "contratto" che di si voglia) fra centro-destra e M5S, ma forse è ancora presto per capire se una ipotesi del genere sia matura.

Altre Notizie