Boeri:attendo risposta Fico su denuncia Inps anomalia figurativi

Vitalizi Tito Boeri diventa grillino

Boeri: «Da abolizione vitalizi forti risparmi, spero nell'impegno della nuova legislatura»

Tecnico dai modi diretti che non ama farsi tirare la giacchetta dalla politica, Boeri ha giudicato "non sostenibile" l'abolizione della riforma previdenziale che porta il nome di Elsa Fornero, cara tanto al M5s che alla Lega ma che costerebbe 85 miliardi di debito pensionistico. Ancora più costoso sarebbe passare alla cosiddetta quota 100 ipotizzata dal centrodestra, che peserebbe sulle casse dell'Inps per 105 miliardi. Secondo il presidente dell'Inps il sistema dei vitalizi "era insostenibile fin dall'inizio".

"Mi auguro che l'impegno della nuova legislatura sia vero, un primo segnale sarebbe darci queste informazioni per poter fare calcoli trasparenti".

Si torna a parlare di vitalizi dei parlamentari: mentre le forze politiche uscite vincitrici dalla tornata elettorale preparano il piano per ricalcolarli o cancellarli, il presidente dell'Inps Tito Boeri torna sul tema denunciando la scarsa trasparenza da parte della Camera negli anni passati ed il tema degli oneri figurativi. Un "privilegio" che vale "non pochi soldi" perché nel giro di una legislatura può arrivare a "qualche decina di milioni di euro". Ho scritto una lettera all'ufficio di Presidenza della Camera e fino ad ora non ho ricevuto risposta. Sarebbero passi avanti ben visti dal presidente dell'Inps.

Boeri non è convinto nemmeno dalle proposte prevalenti sul reddito di cittadinanza, come quella del Movimento 5 stelle: questa forma di sostegno "è qualcosa di cui si discute a livello accademico e non esiste in alcuna parte del mondo: si dà un reddito a tutti a prescindere dal proprio patrimonio". Ma non nasconde neanche come, con il reddito d'inclusione, l'Italia abbia solo di recente (e in misura solo parziale) colmato una lacuna che la vede unico Paese occidentale, con la Grecia, a non avere un'assistenza di base ai bisognosi. "I parlamentari sono gli unici a usufruire di questo trattamento di favore", ha detto Boeri, aggiungendo infine: "Trovo scandaloso che la Camera non ci abbia fornito i dati sui contributi versati dai singoli parlamentari, cariche pubbliche".

Altre Notizie