Intesa Sanpaolo finanzia l'APE volontario

Intesa Sanpaolo finanzia l'APE volontario

Intesa Sanpaolo finanzia l'APE volontario

Si sblocca l'iter per fare domanda per ottenere l'Ape volontaria.

Via alle domande di Ape volontaria, il prestito ponte con cui i lavoratori di 63 anni di età e almeno 20 di contributi potranno accedere volontariamente al pensionamento anticipato.

Lo strumento, prorogato fino al 2019, garantisce un reddito ponte per accompagnare i lavoratori alla pensione e si può richiedere attraverso il sito dell'INPS. Intesa Sanpaolo è infatti la prima banca a finanziare le richieste di questo tipo.

La banca ha ricordato alcune istruzioni su come ottenre l'Ape volonatrai e soprattutto su come funziona. Di questi, sono 5.000 quelli ha possono richiedere gli arretrati maturati dal 1° maggio 2017 che, a quella data, erano già in possesso dei requisiti richiesti, purché presentino la domanda entro il 18 aprile. Il tasso, fisso dal momento dell'erogazione, è uguale per tutto il sistema bancario: è regolamentato dall'accordo quadro e viene aggiornato ogni due mesi dall'ABI. Quest'ultima è obbligatoria e viene offerta da una compagnia terza tutelando gli eredi in caso di premorienza dell'intestatario. La durata del prestito è fissata in 20 anni, ma è possibile richiederne l'estinzione anticipata parziale o totale.

Altre Notizie