Dopo Muccia nel Maceratese di 4.6, scossa di terremoto a Ocre 3.3

Mario Baroni

Mario Baroni

La scossa è stata avvertita anche in Umbria, mentre sui social cittadini segnalano che la terra ha tremato da Fano a San Benedetto e sino a Rieti e Roma. Sistemati nelle casette antisismiche Sae 550 dei 920 abitanti del paese, ma anche gli interni delle abitazioni d'emergenza sono state danneggiate dalle scosse. "Il Ministero dei Beni e delle Attivita' Culturali e del Turismo ha attivato le proprie unita' di crisi per la verifica dei danni e la messa in sicurezza del patrimonio culturale eventualmente danneggiato dalla scossa di terremoto che ha colpito questa mattina il Maceratese". Quest'ultima, secondo i dati dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), ha avuto ipocentro a due chilometri da Pieve Torina, in provincia di Macerata, dove sono state chiuse le scuole. Ma lo sciame sismico ha visto anche una trentina di scosse di minore intensità, tra lo 0,9 e l'1,9.

Crollato piccolo campanile chiesa Muccia.

È forte la preoccupazione per il Sindaco di Muccia Mario Baroni. Le principali scosse sono state registrate nelle province di Macerata, Pesaro e Ancona. "Speriamo che siano rimaste ancora lì altrimenti avremo ulteriori sfollati", ha spiegato il Sindaco.

Italia 'svegliata' da nuove scosse di terremoto. Nell'aquilano alle 6,50 si è avvertito un forte boato a causa di un movimento tellurico di magnitudo 3,3.

Del resto, Concetta Nostro, sismologa del dell'INGV - Istituto Nazionale Geofisica e Vulcanologia e del Centro Nazionale Terremoti, aveva detto nell'intervista a Viagginews che con i terremoti non era ancora finita, anche se, ovviamente, non è possibile fare previsioni. Da questa mattina sono più di venti le scosse con magnitudo superiore a 2.0 che si sono verificate nel territorio di Muccia. Altre verifiche sono in corso. La linea ferroviaria Trenitalia Civitanova Marche -Macerata è al momento sospesa a scopo precauzionale al fine di consentire un controllo specifico sulla tenuta dei binari. La ripresa della circolazione è prevista per le ore 9. "Adesso sembra che la zona interessata dalla sequenza sismica si stia spostando nella zona settentrionale", ha spiegato l'esperto INGV.

Intanto si è appreso che il centro comunale polivalente della protezione civile che si trova a Norcia potrà essere utilizzato in caso di eventi sismici, anche se sotto sequestro.

Altre Notizie