Regione, Sgarbi annuncia le dimissioni "Non avrò più rapporti con Musumeci"

Regione, Sgarbi annuncia le dimissioni

Regione, Sgarbi annuncia le dimissioni "Non avrò più rapporti con Musumeci"

"Considero Musumeci un dipendente dei 5stelle, mi dimetto perché non ho intenzione che sia lui a decidere il mio destino".

D'altronde, ha sottolineato il critico d'arte, "non si può continuare ad andare avanti in questo modo", visto che il governatore "ritiene che i rapporti con me siano logorati".

Per Sgarbi, a pesare nella sua rottura con Musumeci sarebbe stata la mancata tutela da parte del governatore dell'isola, nei confronti del critico d'arte oggetto di una mozione di censura presentata dal Movimento 5 Stelle. Sgarbi va oltre: anticipa anche il nome del suo successore. A questo punto si apre solo una strada: mettere in sicurezza i conti della Regione con una manovra base che si occupi di alcuni impegni prioritari e indifferibili, risorse ai Comuni e politiche di aiuto ai disabili, e poi il Parlamento scriva una legge elettorale che dia governabilità a chi vince e si torni al voto entro l'anno. Il nome di Tusa me l'ha fatto Gianfranco Micciché, io sono d'accordo.

Il presidente della Regione Nello Musumeci ha preso atto della richiesta avanzata dal Pd in conferenza dei capigruppo e ha riunito a Palazzo dei Normanni, nella stanza del governo, la giunta per dare il via libera alla proroga di un mese dell'esercizio provvisorio, in scadenza il 31 marzo. "Gli ho scritto che la sua maleducazione rimarrà nella mia memoria". Così Vittorio Sgarbi ha annunciato le sue dimissioni da assessore ai Beni culturali in Sicilia. Musumeci ha dimostrato che le mie capacita' e le mie funzioni non gli sono utili.

Altre Notizie