Milano. Rottura tra il Pd di Gori e Leu

4 marzo, Lazio e Lombardia votano per elezioni politiche e regionali

Regionali, verso accordo Pd-LeU. Bersani apre. Grasso: 'Assemblee Lazio-Lombardia poi decisione'

Fratoianni, che venerdì si recherà a Cinisello Balsamo per l'assemblea regionale della Lombardia di Liberi e Uguali, ha aperto però al candidato del Lazio Nicola Zingaretti sul quale "ci si confronta". E Laforgia ha rivendicato: "Siamo dalla parte giusta quando fuori da questa sala diremo che LeU presenta la sua proposta per le elezioni regionali".

A lanciare ufficialmente la candidatura del consigliere regionale Rosati è stato Francesco Laforgia e l'assemblea ha risposto con una standing ovation. Ci mettiamo la faccia. Gori è una persona rispettabile. Se qualcuno vuole fare una coalizione, deve avere una procedura democratica per selezionare i candidati.

Tanto che, dato all'assemblea in Lombardia, Grasso dovrebbe invece partecipare a quella convocata domani pomeriggio a Roma, in una sede Cgil vicino a piazza Vittorio.

Le altre regioni che dovranno votare quest'anno (Molise, Friuli, Trentino, Valle d'Aosta, Basilicata) sono ancora in lista d'attesa. E chi chi lo accusa di rubare voti potenzialmente decisivi al #Pd, risponde: "Non è corretto dire che 'Liberi e Uguali' porta via voti al PD: venite nei posti dove vado io e vedrete che tra la gente che vota per noi ce ne sarà forse 1 su 10 che voterebbe PD". Non possiamo prescindere da questa. Da anni. Mi si può rispondere: una cosa sono le amministrazioni locali, un'altra il governo della Regione. Veniamo da una lunga stagione di sconfitte elettorali. Penso - ha aggiunto - che il filo conduttore di quei 23 debba essere l'elemento su cui ragionare. "Questo, secondo me, è accaduto innanzitutto perché abbiamo lasciato il campo libero alla destra e abbiamo avuto un atteggiamento di subalternità politica della destra". Con Nicola Zingaretti, ammette Bersani, la strada di un accordo è meno complicata di quella con Giorgio Gori.

CRESCITA E INCLUSIONE - Le parole chiave del programma del candidato a governatore della Lombardia sono crescita e inclusione. "Il dibattito è aperto e l'esito non è scontato". E se per LeU tra i nomi che hanno disponibilità in Liguria spunta quello di Sergio Cofferati, per il Pd oggi potrebbe arrivare l'annuncio di disponibilità di Paolo Siani, pediatra napoletano fratello del giornalista ucciso dalla camorra.

Altre Notizie