Benatia: "Gomitata a Pavoletti? Conta le mie espulsioni"

Benatia

Benatia – LaPresse Alessandro Tocco

Il difensore della Juventus, in vacanza a Dubai come Chiesa e Thereau, ha pubblicato una sua immagine accompagnata da un leone che ruggisce. Un turno anche a Gasperini (Atalanta). Il comunicato dell Giudice Sportivo va avanti, ma in realtà potrebbe già fermarsi qui, c'è già tutto quello che interessa.

Il riferimento, chiaro, è all'ultima gara vinta dalla Juventus tra mille polemiche a Cagliari, nella quale un gomito largo nel duello aereo con Pavoletti non è stato sanzionato dall'arbitro Calvarese. Lui è lo stesso personaggio in cima alla questione Agnelli-'Ndrangheta, che per il presidente juventino ha chiesto pene capitali, sventolando ai quattro venti voci di intercettazioni, pur non avendole concretamente tra le mani: quella registrazione che doveva incastrare Andrea Agnelli e la Juve tutta a proposito del presunto coinvolgimento consapevole con esponenti della 'Ndrangheta, quella che non c'è e non c'è mai stata. "Pertanto il comportamento di Benatia è stato "visto" dall'Arbitro e giudicato con una valutazione insindacabile nel merito da questo Giudice, con conseguente inapplicabilità della procedura di cui al richiamato art. 35, 1.3, CGS, delibera la non sussistenza dei presupposti di ammissibilità in ordine alla segnalazione del Procuratore federale ex 35, 1.3, CGS".

Stupisce ancora di più la mancata punizione per gli insulti razzisti a Blaise Matuidi.

Altre Notizie