La Consob: "Banca Marche, azionisti beffati possono rivalersi su Ubi"

La Consob:

La Consob: "Banca Marche, azionisti beffati possono rivalersi su Ubi"

A dirlo è la Consob in una delle decisioni dell'arbitro per le controversie.

In sostanza secondo l'autorità la legge che nel 2015 ha portato alla risoluzione delle quattro banche dell'Italia centrale non è uno scudo totale per le banche acquirenti che possono essere chiamate quindi a risarcire i clienti di quelle banche che lamentano danni derivanti dai servizi di investimento ricevuti ante risoluzione. "I clienti della vecchia banca, così come avrebbero potuto avanzare pretese risarcitorie" nei confronti di essa, "allo stesso modo non possono non ritenersi legittimati a procedere in tal senso anche nei confronti della Nuova". Secondo la sentenza può venire chiamato a risponderne alle domande di risarcimento anche chi ha rilevato le quattro "good bank", ovvero Ubi (per Banca Marche, Etruria e CariChieti) e Bper (per CariFerrara).

Nel primo anno di vita l'Arbitro Consob, stando al bilancio di questi primi dodici mesi, ha ricevuto quasi 1.900 ricorsi e quando ha preso delle decisioni, per il 63% dei casi ha dato ragione ai risparmiatori, stabilendo risarcimenti per circa 5,2 milioni di euro, in media 28.000 euro a ricorso. L'Acf si è pronunciato con 305 decisioni al 31 dicembre, di cui 187 di accoglimento e 118 di rigetto.

Altre Notizie