Turismo, il Parco di Portofino punta a intercettare il mercato cinese

ANSA									+CLICCA PER INGRANDIRE

ANSA +CLICCA PER INGRANDIRE

Il dato è emerso dai tavoli di lavoro che questa mattina a Orvieto hanno riunito circa 200 persone tra ambasciatori, sindaci, tour operator, albergatori, giornalisti specializzati, nell'ambito del primo "China Day".

Liguria - "Anche il Parco naturale di Portofino punta a intercettare il mercato turistico cinese": lo ha sottolineato il presidente dell'ente che lo gestisce, Paolo Donadoni, sindaco di Santa Margherita Ligure, intervenuto a Orvieto al China day promosso dal ministero di beni culturali e turismo e dalla regione Umbria.

Al China Days saranno presenti autorità istituzionali, rappresentanti di Ambasciate, Università, Accademie e Istituti culturali, operatori economici e commerciali, operatori dei media e stakeholders cinesi e italiani.

"Il turismo cinese - ha detto Paparelli - non guarda più solo alle mete classiche di Roma, Firenze, Venezia e Milano".

A partire dalle ore 9.30 la sessione mattutina sarà dedicata ad elaborare i dati e a condividere le esperienze nell'ambito di tre tavoli tecnici di lavoro paralleli che affronteranno il tema del flusso turistico dalla Cina verso l'Italia da punti di vista differenti. La sessione si concluderà con l'intervento del ministro dei Beni Culturali e del Turismo, Dario Franceschini.

Altre Notizie