Roma agli ottavi come prima, battuto il Qarabag

Facebook Qarabag

Facebook Qarabag

Roma (4-3-3): Alisson; Florenzi, Manolas, Fazio, Kolarov; Strootman, De Rossi, Nainggolan; El Shaarawy, Dzeko, Perotti.

Di Francesco ritrova De Rossi in mezzo al campo, con lui Nainggolan e Strootman.

LA ROMA SI ACCENDE SOLO SUL FINIRE DI TEMPO - Il Qarabag non è rimasto a guardare tentando anche un paio di insidiose sortite con Ndlovu e Almeida che hanno concluso male dal limite. I giallorossi, secondi nel raggruppamento con 8 punti all'attivo, per guadagnarsi la qualificazione agli ottavi di finale devono vincere oppure confidare in una mancata affermazione dell'Atletico Madrid a Londra sul Chelsea. Oltre a queste due occasioni, la Roma non riesce a procurarsi palle goal con il gioco e, sul finire di tempo, prova a bucare il Qarabag dalla distanza con Nainggolan che tira una saasata da trenta metri ma trova ancora Šehić a chiudere la porta.

La Roma la sblocca al 53′ con Perotti! Di Francesco cambia e a diciotto minuti dalla fine Gerson prende il posto di El Shaarawy; Kolarov sfiora il raddoppio, ma la sua punizione termina a lato di poco. Roma decisamente propositiva in attacco, ma il Qarabag è completamente chiuso. La Roma ci ha messo un tempo per poter stare più sicura, e di certo, tutti nello spogliatoio avranno pensato che era una preoccupazione che si sarebbe potuta benissimo evitare. Ma la vittoria per 3-0 all'Olimpico della Roma contro i Blues, manda i capitolini al primo posto.

OK: I primi 45′: In pochi forse si aspettavano un risultato a reti bianchi nella prima frazione.

Di Francesco, prima del match, aveva chiesto ai suoi di avere ferocia.

Nella ripresa, dopo otto minuti, i padroni di casa passano.

Puoi raccontarci cosa vi siete detti prima dell'inizio del girone? Siamo felici ma adesso dobbiamo continuare in campionato, il sorteggio sarà tra un po'. La Roma ha vinto il girone di ferro, relegando l'Atletico in Europa League. "Già nella prima sfida contro l'Atletico Madrid abbiamo saputo soffrire". Al 56' arriva la prima rete d'orgoglio dei colchoneros con Niguez abile a trafiggere Courtois sulla spizzata di Torres. poco dopo però l'autogoal di Savic mette la parola fine all'incontro.

Altre Notizie