Totò Riina, la Chiesa nega i funerali: "Era un pubblico peccatore"

La Chiesa: “Riina era un peccatore, non autorizziamo funerale ...

La Cei: “Per Riina niente funerali pubblici in Chiesa”

Ovvero, nessun funerale pubblico per Totò Riina. "Ove i familiari lo chiedessero si valuterà di fare una preghiera privata al cimitero". "Non ci sarà funerale pubblico". Monsignor Pennisi, vescovo di Monreale - la diocesi di Corleone - da anni sta negando l'ultimo saluto con rito cattolico ai mafiosi. Lo stesso vescovo, quando si era parlato del diritto ad una morte dignitosa del Capo di Cosa Nostra, era stato netto: "Ogni persona ne ha diritto". Un provvedimento, come quello preso dal questore di Palermo, già c'era stato per capimafia come Bernardo Provenzano e altri padrini di Corleone.

Intanto la figlia di Riina, Maria Concetta, commenta su Facebook il decesso del padre, postando un'immagine in cui viene ritratto il volto di una donna in bianco e nero che si porta il dito alla bocca, in segno di silenzio, di lutto.

Per le strade di Ercolano (Napoli) sono invece stati affissi manifesti funebri che riportavano "il lieto annuncio" della morte di Salvatore Totò Riina. Ciò nonostante la salma del boss potrà essere accompagnata da un frate o un parroco che, con estrema discrezione, potranno dire una preghiera. La salma sarà restituita ai familiari che decideranno come e dove seppellirlo. La Chiesa non si sostituisce al giudizio di Dio ma non possiamo confondere le coscienze.

Agenpress - E' morto alle 3.37 nel reparto detenuti dell'ospedale di Parma il boss Totò Riina.

Altre Notizie