Naufragio di Lampedusa, le indagini proseguono: respinta richiesta di archiviazione

Condannato a 18 anni il

Naufragio di Lampedusa, le indagini proseguono: respinta richiesta di archiviazione

L'Imputazione coatta - emerge dal provvedimento di 27 pagine del gip - "riguarda Manna e Licciardi accusati diomissione di soccorso secondo l'articolo 328 primo comma in relazione alle accuse di omissione alla sicurezza pubblica e omicidio colposo". "Supplemento di indagine, invece, a carico di Katia Pellegrino, la comandante della nave Libra, la più vicina quel giorno al luogo del naufragio, che ricevette dalla sala operativa l'ordine di "nascondersi" ritardando così l'intervento che - secondo l'Italia - doveva toccare ai maltesi".

Una "extrema ratio", per il giudice, che cambiava "il panorama normativo" del caso ed imponeva l'immediato intervento dell'unità della Marina. Il gip ha invece accolto la richiesta di archiviazione per gli altri indagati, l'ammiraglio della Narina Filippo Maria Foffi, in passato comandante in capo della squadra navale, gli ufficiali Nicola Giannotta, Clarissa Torturro e Antonio Miniero. La Pellegrino sostiene di non aver ricevuto chiamate e da qui la necessità di ricostruire quei passaggi. Nel naufragio il dottor Jammo perse due figli. "Oggi viene restituita loro almeno la fiducia nella giustizia italiana", commentano Alessandra Ballerini e Emiliano Benzi, legali di Jammo e dei familiari di alcune delle vittime.

Altre Notizie