Meteo per la settimana 13-19 novembre. Veloce assaggio d'inverno con tanto freddo

San Marino. Meteo da lunedì 13 novembre irruzione fredda da nord rischio neve a San Marino

Modena, domani sera ritorna il freddo e lunedì la neve

Questa depressione tenderà poi a muoversi molto lentamente verso sud/sud-est nella prima parte di lunedi e sarà proprio questo il momento in cui si svilupperà forte maltempo su molte aree italiane.

Ed è per questo che è arrivata l'aria fredda, che arriverà la prima neve a quote collinari.

E' tutta colpa dello "sbilanciamento" dell'anticiclone verso le Isole Britanniche se tra domenica sera e lunedì mattina l'Italia verrà investita da un'onda di aria fredda che porterà un 'anticipo' d'inverno sulla Penisola, con temperature in calo anche di 7-10 gradi nel Nord-est e al Centro.

Il "merito" sarà dell'alta pressione delle Azzorre che si espanderà sin verso le coste occidentali di Francia e Inghilterra, raggiungendo anche i 1030 hpa. Clima nettamente più secco sul nord-ovest dove non ci aspettiamo alcun fenomeno ad eccezione del vento, per tutta la durata del peggioramento. Probabili nevicate fino a 400-800 metri di altitudine anche tra Umbria, Toscana e Marche.

Le temperature: minime in calo, comprese tra -1°/ +2°C; massime in lieve aumento, comprese tra 7/10°C. Forti piogge in Sicilia e sull'Emilia Romagna. Inizialmente toccherà alle Alpi orientali, sino in collina, dove cadrà qualche centimetro di neve, dopodichè toccherà all'Appennino fare il pieno di neve!

Infatti vedremo che la neve sull'appennino Tosco-Emiliano potrà toccare i 500-600 metri di quota, mentre si attesterà intorno ai 700-900 metri sul resto delle regioni centrali (Umbria, Marche, Lazio e Abruzzo). A quote più basse avremo piogge, temporali e anche episodi di grandine o gragnola!

Le condizioni del tempo in queste ore sono molto brutte sull'Italia meridionale, con forti temporali e nubifragi su Sicilia, Calabria e Puglia dove il maltempo insisterà anche oggi a causa di un violento Uragano Mediterraneo in formazione nel Canale di Sicilia, tra la Sicilia appunto, Malta, la Tunisia e la Libia. Le raffiche più intense le ritroveremo sulle regioni adriatiche (Bora anche oltre i 100 km/h sull'alto Adriatico). La giornata più a rischio per la comparsa di neve anche a bassa quota è mercoledì, ma bisognerà aspettare i prossimi giorni per avere delle proiezioni più precise e dettagliate.

Altre Notizie