Marotta: "Juve rosa da scudetto. Terzo posto? Sconfitta!"

Juve, Marotta: “Il Napoli gioca meglio di noi? Ognuno ha il suo DNA”

Juventus, Marotta: “Per vincere lo zoccolo duro deve esseere italiano”

Marotta: "Juve rosa da scudetto".

Sulla stella Dybala, oggi bersaglio di numerose critiche: "Ci ha abituato troppo bene a prestazioni fuori dall'ordinario e quando ne fa una minore, subito tutti a puntare il dito. Diventerà un campione, ma per farlo dobbiamo lasciargli il tempo di maturare, è ancora giovane".

Un'ossessione chiamata Champions League. Il direttore juventino parla anche dell'aspetto che più gli riguarda, vale a dire il mercato che nella scorsa estate ha visto cessioni pesanti come quelle di Dani Alves e Bonucci: "Quella di Dani Alves è stato un fulmine a ciel sereno". Sembrava volesse il City, poi è arrivato il Psg. "C'è stato un momento di contrasto, perché ho fatto valere il rispetto del professionista nei confronti della Juventus".

Marotta invece non si è detto sorpreso dalla partenza di Leonardo Bonucci, ceduto al Milan per 42 milioni di euro, bonus compresi: "Addio sancito dal rinnovo di Massimiliano Allegri? Eravamo preparati perché nelle discussioni che normalmente si fanno erano emerse delle insoddisfazioni del giocatore".

Impossibile, poi, esimersi sul tema scottante della settimana, ovvero Italia-Svezia.

ITALIA - A proposito della quale spiega: "Non andare in Russia sarebbe un fallimento".

" Sappiamo che sarà una sfida impegnativa, la Svezia ha evidenziato nell'andata qualità agonistiche che l'hanno portata a batterci".

Altre Notizie