Fmi: "Incoraggiante accelerazione vendita Npl in Italia. Pil +1,7%"

Fmi conferma la ripresa italiana Pil a +1,5% nel 2017   
                       
                
         Oggi alle 10:59- ultimo aggiornamento

Fmi conferma la ripresa italiana Pil a +1,5% nel 2017 Oggi alle 10:59- ultimo aggiornamento

Il Fondo monetario internazionale insiste su vecchi temi ricorrenti per l'economia italiana e i suoi conti pubblici, riconoscendo nella sua 'pagella' che la crescita si sta rafforzando e qualcosa si sta muovendo sul fronte delle banche e dei loro problemi con i crediti deteriorati. In ogni caso, il Fmi ritiene che "la ripresa economica potrebbe non essere sufficiente ad aumentare i rendimenti per soddisfare le aspettative degli investitori" e "saranno necessari ulteriori consolidamenti e ristrutturazioni". Lo stock degli NPL è, d'altronde, "appena inferiore ai 1.000 miliardi di euro" a livello europeo. "Le linee guida della Bce del marzo 2007 sulla gestione degli Npl e le recenti proposte che la Vigilanza ha presentato sugli accantonamenti sui nuovi Npl sono passi positivi". I Paesi dovrebbero concordare obiettivi ambiziosi, con conseguenti energici interventi delle autorità di Vigilanza.

Inoltre, secondo il Fmi, i Paesi dovrebbero applicare il nuovo quadro di regole, con la dovuta proporzionalità, anche alle banche più piccole che ricadono fuori dalla supervisione Bce.

"Da Spagna e Irlanda è arrivato il contributo maggiore alla riduzione".

Infine, anche il Fmi chiede modifiche ai quadri normativi sulle procedure fallimentari, di recupero dei crediti assieme a miglioramenti delle procedure giudiziarie, in modo da avere un sistema armonizzato "che aiuterebbe a stimolare un mercato secondario" (dove vendere i crediti deteriorati).

"In Italia la recente accelerazione delle vendite di non performing loan è incoraggiante".

Altre Notizie