Trapianti, un donatore salva 9 persone

Donazione organi. L'84,5% dei marchigiani favorevoli. I risultati del progetto “Una scelta in Comune”

Morta a 46 anni, trapiantati gli organi Un donatore salva la vita a 9 persone

Incredibile trapianto record avvenuto a Torino, dove un solo donatore è riuscito a salvare la vita di ben nove persone. Antonio Amoroso - è stato segnalato dal centro di rianimazione dell'ospedale della Carità di Novara il decesso - a causa di una emorragia cerebrale - di una donna di 48 anni, di cui i familiari avevano testimoniato la volontà di donare gli organi. Addirittura l'équipe di Cardiochirurgia si è divisa e coordinata contemporaneamente su tre sale operatorie limitrofe per trapiantare due polmoni ed un cuore su tre persone diverse.

I primi cinque trapianti si sono svolti all'ospedale Molinette, coinvolgendo più sale operatorie mentre gli altri interventi hanno coinvolto l'equipe medica di Bergamo e Novara.

Di solito, quando si intraprende un processo di donazione di organi o comunque tessuti da un donatore deceduto, a beneficiarne sono solamente due pazienti che ricevono i reni e un altro che invece riceve il fegato.

Da un atto di generosità si sono dunque intrecciati i destini di diversi pazienti che erano in attesa di un trapianto. Persone di età e sesso differenti, di origini e di nazionalità diverse. In particolare, gli organi sono stati prelevati da una donna di quarantotto anni, deceduta a Novara a causa di una emorragia cerebrale. Più raramente a questi organi trapiantati si aggiungono il cuore e il polmone.

Un evento più unico che raro. I suoi organi sono infatti stati donati a una donna piemontese di 41 anni affetta da cardipatia restrittiva, un uomo di 62 affetto da fibrosi polmonare, una donna sarda di 54 affetta da bronco-pneumopatia polmonare cronica ostruttiva, un bambino che aveva bisogno del lobo sinistro del fegato e un uomo di 67 affetto da cirrosi epatica. Il rene sinistro è stato donato ad una donna di 47 anni nata in Nigeria e residente in Piemonte, in dialisi a causa di una nefrosclerosi ipertensiva, il rene destro a un uomo di 47 anni della Sicilia, che ha ricevuto un secondo trapianto di rene in seguito alla perdita di funzione di un precedente trapianto, presso al Maggiore di Novara, mentre le due cornee sono state avviate alla Banca delle cornee, che provvederà a valutarne l'idoneità e ad assegnarle a due pazienti in attesa di trapianto.

Altre Notizie