Calcolo pensione, cosa fare per evitare l'uscita a 70 anni

Calcolo pensione quando uscire prima dei

Pensioni calcolo importo uscita prima differenti

Si chiude così, senza un nulla di fatto, la prima parte dell'incontro sulle pensioni oggi tra il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, e i leader di Cgil, Cisl e Uil aggiornato a data da destinarsi al termine del Consiglio dei ministri di oggi. La Legge di Stabilità 2017 ammetteva soltanto i licenziati o i dimissionari peer giusta causa. I requisiti per richiedere il part time sono aver maturato almeno 20 anni di contributi e avere 63 anni e sette mesi entro il 31 dicembre 2018 e la domanda per accedevi deve essere inviata direttamente all'Inps. Un punto, questo, sul quale permangono difficoltà interpretative persino all'indomani della scadenza fissata per legge sul monitoraggio ufficiale delle domande di ammissione al beneficio 2017.

Anche a Trapani sarà possibile firmare per chiedere di "Modificare la legge Fornero, correggere la legge 335 del 1995 e dare la possibilità di accedere all'Ape sociale": sono, infatti, questi i tre punti nodali della petizione che la Flai Cgil chiede ai lavoratori di sottoscrivere e sostenere. In pratica, c'è uno sconto di sei mesi per figlio, fino a un massimo di due anni.

Si può anticipare l'età pensionabile a molto prima dei 70 anni anche ricorrendo al cumulo di tutti i contributi previdenziali versati in differenti gestioni, possibilità che sarà finalmente possibile in maniera gratuita a differenza di quanto accaduto finora, operazione che è sempre stata decisamente onerosa.

In entrambi i casi le novità scattano dal 2018, quindi allargano la platea degli aventi diritto dal prossimo anno, senza applicarsi retroattivamente al 2017. Nel profilo dedicato ai lavoratori autorizzati alla prosecuzione volontaria dell'assicurazione IVS ante 2012 che non hanno versato un contributo volontario si registra l'attivazione dei cd. vasi comunicanti per consentire l'accoglimento di un numero di domande superiori a quello previsto dalla legge per questo profilo di tutela (1.270 contro 1.200 posti disponibili).

Altra novità di Riforma pensioni in manovra, una maggior flessibilità sulla RITA, la rendita integrativa temporanea anticipata introdotta dalla manovra 2017 (comma 188).

Il sindacalista ricorda anche che non ci sono interventi positivi per i giovani, visto che la decontribuzione per le nuove assunzioni porterà a minori versamenti di contributi: cosa che si rifletterà sulle loro future pensioni.

Sia le lavoratrici che si battono per il riconoscimento dei lavori di cura, sia quelle che chiedono la proroga di Opzione donna, sono rimaste deluse dall'esito del confronto di ieri, che ha rimandato nuovamente il problema. All'appello mancano ancora le convenzioni con il settore bancario ed assicurativo nelle quali dovranno essere regolati i tassi di interesse e gli altri aspetti operativi e tecnici della misura.

Altre Notizie