Sicilia: scoperto traffico internazionale di cocaina, numerosi arresti

Colombia sequestrate 7 tonnellate di cocaina nel porto di Cartagena

Palermo, traffico di cocaina con l'Argentina: 12 arresti

Blitz dei carabinieri del comando provinciale di Palermo tra Palermo, Roma, Bagheria e Tolmezzo (Udine) per sgominare il traffico internazionale di cocaina tra la Sicilia e l'Argentina. In manette sono finite 12 persone con un'ordinanza emessa dal Giudice per le indagini preliminari di Termini Imerese su richiesta della Procura della Repubblica di quel Tribunale.

L'operazione - come riporta PalermoToday.it - riguarda capi e gregari di un mandamento mafioso accusati di traffico internazionale di sostanza stupefacente.

I militari hanno scoperto che la polvere bianca arrivava dall'Argentina, per poi essere lavorata a Bagheria e infine venduta soprattutto all'interno dei locali notturni di Palermo e Trapani.

Nicolo' Testa, al vertice della cosca mafiosa di Bagheria, e il suo stretto collaboratore Carmelo D'Amico erano in rapporti di affari con Salvatore Drago Ferrante, procacciatore all'ingrosso di cocaina che, nel volgere di qualche mese, aveva creato una "squadra", un gruppo di persone specializzato all'importazione in Italia di stupefacente proveniente dall'Argentina e alla cessione in favore di spacciatori all'ingrosso sul mercato palermitano.

Ecco l'elenco completo degli arrestati: Gioacchino Bonaccorso, Salvatore Cicala, Giuseppe Faia, Emiliano Pasimovich, Calogero Rio, Salvatore Rotolo, Pasquale Testa, Giacinto Tutino, Carmelo D'Amico, Nicolò Testa, Giuseppe Antonio Giallombardo, Salvatore Drago Ferrante.

Le attività di indagine sono state condotte anche all'estero e hanno consentito il sequestro di 5 chili di cocaina. Grazie alle intercettazioni è stato poi individuato un gruppo di giovani palermitani, alle dipendenze di Pasquale Testa, figlio di Nicola e Salvatore Rotolo, che reperivano la droga da piazzare poi sul mercato attraverso una serie di pusher che agivano nei locali notturni.

Durante le indagini gli inquirenti hanno verificato l'acquisto in Argentina di 4,6 chili di cocaina, sequestrati all'aeroporto di Buenos Aires e la vendita di un chilo di cocaina sulla piazza di spaccio palermitana.

Altre Notizie