Koulibaly: " A Roma dura. Sogno di vincere lo scudetto a Napoli"

Koulibaly

Koulibaly: ” A Roma dura. Sogno di vincere lo scudetto a Napoli”

Ti fa capire quanto nel calcio nulla deve essere imprevedible.

Sulla scelta del Senegal al posto della Francia: "Perché le porte erano più aperte e mi sono lanciato. Non ne sono affatto pentito, perché mi sento senegalese". "Ora mi diverto a giocare in questa squadra". Ma chi nella squadra ci crede davvero? Più Thuram, però. Classe, tecnica, forza fisica. "Dicevano che ero forte". Quando arrivò mi disse che se lo avessi seguito sarei diventato un grandissimo. Proprio oggi mi ha fatto vedere un video con dei miei errori, così mi aiuta a migliorare. E io ci sto provando, ma so che posso ancora migliorare.

Sullo Scudetto e la rivalità con la Juventus: "Certo, il Napoli ci deve credere al tricolore, ma non ci deve pensare. Non si guadagnava molto, il calcio mi ha dato tanto". "Tutto. Faceva il terzino, un calciatore straordinario".

"Sì, ma mi hanno anche detto che è difficile da raccontare, bisogna viverlo". Se non siamo squadra rischiamo di perdere, al contrario e' piu' facile vincere. Sabato non sara' un duello tra me e lui, e' una partita tra Roma e Napoli. Comunque qui non c'è solo razzismo nei confronti di chi ha la pelle diversa, ma anche contro i napoletani, i romani... Sarà un bel campionato.

Contro la Lazio, l'anno scorso vi furono forti episodi di razzismo: "Si, ricordo. E io come faccio a cambiare la cultura di un paese o di una tifoseria?". Se abbandonerei il campo?

"Se sono dieci a fischiare vado avanti, se lo fa uno stadio intero ci penso".

Altre Notizie