Invasione di formiche al Civico, chiuso il reparto di Terapia intensiva coronarica

Formiche

Formiche

Annunciata la chiusura dell'Unità di terapia coronarica intensiva, che per 24 ore sarà sottoposto a interventi di disinfestazione straordinaria. Ricoverati trasferiti nel reparto di Anestesia e rianimazione e i dieci posti letto resteranno fuori uso fino a nuove disposizioni. Chiusura autorizzata con urgenza dalla direzione medica, con una nota inviata anche al 118, al pronto soccorso e a tutti gli altri ospedali della città dove dovranno essere dirottati i pazienti che il Civico in questo momento non è in grado di ospitare. Il ministero della Salute, nel frattempo, ha disposto l'ispezione del carabinieri del Nas. "In più di una occasione - affermano il segretario provinciale Enzo Munafò e il segretario aziendale Mario Di Salvo del sindacato Fials-Confsal - abbiamo segnalato la presenza di insetti in diversi padiglioni dell'ospedale Civico, sottolineando, inoltre, la presenza costante di zanzare anche nelle terapie intensive e di scarafaggi in diversi servizi".

Arriva dunque una risposta ufficiale da parte del nosocomio.

Nel piano di riorganizzazione degli centri ospedalieri siciliani il Civico di Palermo è stato individuato come hub, uno dei tre centri di eccellenza in cui curare patologie complesse con metodi avanzati. La settimana scorsa Repubblica ha raccontato la storia di un paziente, Vincenzo Oliveri, che per quasi due mesi è rimasto ricoverato nel reparto di Malattie respiratorie e ha filmato con il suo smartphone l'assalto delle formiche in corsia, oltre a sanitari rotti nei bagni e porte danneggiate. Il 70enne è poi morto dopo un secondo ricovero a causa di un batterio molto pericoloso contratto proprio al Civico.

Altre Notizie