Europa League: buona la prima per il Milan di Vincenzo Montella

Udinese- Contro il Milan potrebbero esserci meno sorprese del previsto

Milan-Udinese 2-1, Delneri: “Abbiamo giocato bene ma concesso troppo”

È stato un Milan ben disposto in campo, anche se l'Austria Vienna ha concesso troppi spazi ai rossoneri, si è trattata quindi di una sfida importante, in cui il gruppo di Montella si trovava a dover vincere assolutamente alla vigilia del match per riscattarsi dal ko contro la Lazio, ma poi in campo gli austriaci hanno commesso tanti errori da portare il Milan a straripare anche nel risultato. Gli orobici hanno invece strapazzato gli inglesi dell'Everton con un secco 3-0 con i goal di Masiello, Gomez e Cristante. La migliore forse l'ha fornita il modulo: dal selvaggio e spregiudicato 4-3-3 l'Aeroplanino ha virato verso un 3-5-2 più confacente alla rosa che ha a disposizione. Mediagol.it vi propone tutti i risultati della gare delle 19,00.

Milan, show rossonero con l'Austria Vienna. Dobbiamo trovare un assetto base, con le varianti, è una squadra che sa cambiare pelle anche in corsa. Innanzitutto nello schema tattico. La difesa a tre con Romagnoli (prima da titolare in stagione) e Zapata al fianco di Bonucci rischia solo quando la partita è già in discesa: deviazione di Donnarumma in angolo e rischio autogol per Biglia al 18', poi la disattenzione di Zapata sul gol segnato Borkovic a inizio ripresa.

Qualche piccolo dubbio su Nuytinck. Fonte
Qualche piccolo dubbio su Nuytinck. Fonte

Il 3-5-2 ha convinto anche per quanto riguarda la convivenza tra due punte d'attacco; nonostante Kalinic sia ancora non inserito, hanno convinto gli scambi e lo spirito di squadra tra lui e Andrè Silva.

Una spanna sopra gli altri Hakan Calhanoglu. Protagonista assoluto dei novanta minuti del "Prater" sono stati André Silva, che ha messo a segno una tripletta, e Calhanoglu: autore del primo gol, di due assist ed esaltato dal modulo scelto dall'aeroplanino. L'ex Bayer Leverkusen ha giocato da mezzala-trequartista mettendo in mostra tutto il suo repertorio. I dirigenti ci hanno visto lungo, ora bisogna soltanto avere continuità e il tecnico, Montella, sicuramente è propenso a dagliela.

Altre Notizie