Nepal travolto dai monsoni, 35 morti. "Bloccata una famiglia di turisti italiani"

Nepal travolto dai monsoni, 35 morti.

Inondazione in Nepal, almeno 35 morti. Bloccata una famiglia italiana, c'è anche Francesca Chaouqui

"Siamo bloccati al Land Mark Hotel a Chitwan in Nepal". Il comunicato rende inoltre noto di aver chiesto a Nuova Delhi di aprire le dighe di due fiumi che dal Nepal si riversano in india, in modo da permettere un maggior deflusso delle acque. Siamo gli unici Italiani dell'hotel. Tra i connazionali in pericolo c'è anche Francesca Immacolata Chaouqui, imputata nel processo Vatileaks 2. "Siamo vivi - ha scritto Chaouqui - Ci sono 20 bambini". Lo riferiscono le autorità locali, aggiungendo che i dispersi sono 10 e il bilancio sembra destinato ad aggravarsi. Circa 8mila fra poliziotti e soldati sono impegnati nei soccorsi, resi più difficili dal crollo di ponti e dalle frane che bloccano le principali vie di comunicazione. Noi non andiamo via senza che loro siano in salvo.

Le piogge monsoniche che iniziano a giugno e continuano fino a settembre sono importanti per l'agricoltura del Nepal come di tutta l'Asia meridionale, ma ogni anno causano anche ingenti danni e centinaia di vittime in un'area del mondo in cui sono presenti milioni di poveri e le infrastrutture non sono adeguate a difendere la popolazione dai disastri ambientali. Lo ha detto al quotidiano The Himalayan Times il presidente dell'Associazione regionale degli alberghi di Sauraha, Suman Ghimire. Il governo ha convocato una riunione di emergenza per esaminare la situazione e eventualmente dichiarare lo Stato di calamità nelle zone colpite.

Altre Notizie