Vittoria in tribunale per la cantante Taylor Swift

Taylor Swift

Taylor Swift porta in processo il Dj che l'ha molestata

Ben vengano quindi i messaggi come quelli lanciati da Taylor Swift che, portando in tribunale un suo molestatore, vuole dimostrare a tutte le donne del mondo che è sbagliato chinare la testa e subire, ma al contrario bisogna sempre denunciare a testa alta. Swift, che stava facendo un tour e aveva accettato di incontrare il dj locale Mueller, aveva protestato con la sua stazione radio, che lo aveva licenziato due giorni dopo. Sono soldi che non vedrà mai perché il giudice distrettuale William Martinez ha deciso che non vi sono prove che la ventisettenne artista americana abbia avuto alcuna responsabilità nell'andamento delle vicende lavorative di Mueller.

Un anno più tardi, nel 2014, Mueller accusò Taylor di avergli fatto perdere il posto di lavoro a causa delle sue accuse che lui ha definito false. Una ex guardia del corpo di Swift, presente al momento delle molestie, ha confermato durante il processo di aver visto Mueller mettere la mano sotto la gonna di Swift.

I giudici hanno poi sentito anche la fidanzata di Mueller, che era con lui quando sarebbe avvenuta la molestia, cioè durante la famigerata foto della coppia. "E' stato orribile e scioccante", ha detto.

Altre Notizie