Saviano contro Salvini: "Bullo che cerca di attirare la canaglia razzista"

Saviano contro Salvini: “Bullo che cerca di attirare la canaglia razzista”

Botta e risposta social Salvini-Saviano: "Se andiamo al Governo ti tolgo la scorta"

Nel video lo scrittore, condannato per plagio, attacca duramente l'europarlamentare e segretario della Lega Nord Matteo Salvini che non ha fatto attendere la risposta. "E' imbarazzante il suo linguaggio, sgrammaticato, terrificante". Però a volte bisogna togliersi i guanti e dire non se ne può più, davanti a questo politico improvvisato, che cerca attraverso le sue banali affermazioni di attirare la canaglia razzista. Oltre a questo filmato, sulla pagina twitter di Salvini, si legge anche il seguente tweet in cui addirittura il leader della lega Nord minaccia di togliere la scorta, assegnata a Saviano dopo le minacce di morte del boss dei casalesi Francesco Schiavone, in caso di sua elezione al gioverno.

L'ultima "puntata" della telenovela è a firma di Salvini: "Secondo quel poveretto (di spirito, non di conto corrente) di Saviano io sono (quindi voi siete) razzista, ignorante, farneticante, sgrammaticato..." Peccato che Saviano si dimentichi di dire che tali organizzazioni i profughi li aiutano a casa loro portandoli in Italia.

Poi anche un avvertimento: "Ti staremo addosso per impedire che persone come te, e chi ti vota, possano avere ruolo dirigenziale".

Interviene anche la Federazione nazionale della stampa. "Si tratta di dichiarazioni di inaudita gravità e violenza" affermano in una nota Raffaele Lorusso e Giuseppe Giulietti, segretario generale e presidente della Fnsi. L'assegnazione della scorta a Saviano, come agli altri cronisti minacciati dalla mafia non è decisa su richiesta dell'interessato e neanche per volontà dei governi in carica, ma è la conseguenza di un reale pericolo per l'incolumità fisica del cronista, valutato da organi terzi. Quella scorta non è stata invocata dallo scrittore napoletano, ma gli è stata imposta perché ritenuto, dai magistrati, dalla polizia, dalle istituzioni "soggetto ad alto rischio". Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Più sono ricchi, più se ne fregano.

Altre Notizie