Senza lavoro si dà fuoco, grave a Torino

Torino, donna si dà fuoco all'Inps: “Da anni non trovava un lavoro”

Torino, disoccupata si da fuoco nella sede dell'Inps

Le ustioni peggiori si trovano sul torace, braccia e volto.

L'azienda in cui lavorava la donna aveva chiuso a gennaio e lei, dopo un primo periodo di malattia, aveva chiesto l'indennità di disoccupazione.

Secondo le prime informazioni, la donna che si è data fuoco davanti alla sede dell'Inps era disperata perche' da anni non trovava un lavoro.

Mattinata di terrore negli uffici Inps di corso Giulio Cesare a Torino (quartiere Barriera Milano), dove una donna di 46 anni, disoccupata, si è data fuoco, procurandosi ustioni sul 70% del corpo.

A soccorrerla sono stati gli stessi dipendenti dell'Inps, con alcuni estintori.

Trasportata all'ospedale San Giovanni Bosco, la donna è stata intubata per essere trasferita in un centro per grandi ustionati. "Mi hanno licenziata, sono esasperata, non ce la faccio più" ha urlato prima di cospargersi il corpo di alcol e appiccare le fiamme con un accendino. Così non è stato ma ora si cercherà di capire in quale contesto e soprattutto se non vi fossero altri motivi che possano aver drammaticamente portato al gesto di questa donna 46enne di Torino. Quando infatti è arrivato il suo turno allo sportello Inps, si sarebbe sentita dire proprio che la pratica per la Naspi non era ancora accessibile.

Altre Notizie