Morto studente Usa rilasciato da Corea del Nord

20170620_071013_5FA702E7

Warmbier non ce l'ha fatta

Lo studente americano era stato rilasciato dal regime Nordcoreano martedì scorso in uno stato di coma, con un trauma al cervello. Rilasciato dalle autorità Nordcoreane dopo circa 18 mesi di detenzione.

I medici americani hanno riscontrato gravi danni celebrali dovuti a matrattamenti e torture. Una punizione che gli Stati Uniti hanno dichiarata, estremamente sproporzionata rispetto al suo presunto crimine. In una dichiarazione scritta separata, Trump ha detto, "il destino di Otto approfondisce la determinazione della mia Amministrazione a prevenire tali tragedie che coinvolgono persone innocenti per mano dei regimi che non rispettano lo Stato di diritto o di decenza umana di base".

"E' con grande tristezza che abbiamo il dovere di annunciare che nostro figlio, Otto Warmbier, ha completato il suo viaggio".

Il regime della Corea del Nord aveva "spiegato" il deterioramento delle condizioni di salute dello studente dell'Università della Virginia con il botulismo (malattia rara causata da cibo contaminato e ferite sporche) e l'assunzione di sonniferi. Se a scaturirlo siano stati i secondini nord-coreani durante pratiche di tortura nessuno può dirlo, ma ognuno può legittimamente pensarlo. Sembrava davvero distrutto, quasi angosciato.

Altre Notizie