Ieri sera la processione del Corpus Domini

Infiorata del Corpus Domini a Vaccarizzo di Montalto

FESTA DEL CORPUS DOMINI – PROCESSIONE A TERNI IL 15 GIUGNO

Il Papa conclude con un'invocazione: "Questo Pane di unità ci guarisca dall'ambizione di prevalere sugli altri, dall'ingordigia di accaparrare per sé, dal fomentare dissensi e spargere critiche; susciti la gioia di amarci senza rivalità, invidie e chiacchiere maldicenti".

Troviamo, poi, nel discorso di Gesù che abbiamo ascoltato, un verbo che ricorre diverse volte nel Vangelo di San Giovanni: il verbo "dimorare" il cui significato viene ulteriormente precisato nel cenacolo la sera del Giovedì santo quando Gesù racconta l'allegoria della vite e i tralci. Il suo vescovo approvò l'idea e la celebrazione dell'Eucaristia divenne una festa per tutto il compartimento di Liegi, dove il convento della suora si trovava. "Questo pane è corpo di un Dio fatto uomo per vincere le catene che costringono e imprigionano da dentro e da fuori la nostra libertà ed il nostro amore, la libertà che ci sentiamo dentro e vorremmo più grande, l'amore che vorremmo donare e desideriamo ricevere". "Ricordati", dice oggi la Parola divina a ciascuno di noi. "Probabilmente il fiore fresco, raccolto nel momento del suo massimo splendore e magari spetalato anche al momento, offre maggiore soddisfazione a chi guarda e a chi lavora, ma credo non sia da meno la soddisfazione di chi dona vita nuova allo scarto, di chi offre nuova dignità al fiore abbandonato perché cresciuto storto o perché il mercato non lo richiede più". La memoria ha spiegato Papa Francesco: "È importante, perché ci permette di rimanere nell'amore, di ri-cordare, cioè di portare nel cuore, di non dimenticare chi ci ama e chi siamo chiamati ad amare".

"Vogliamo ringraziare anticipatamente tutti i cittadini che interverranno nella messa in opera, senza il loro contributo infatti sarebbe impensabile riuscire a riportare in auge questa bella tradizione che ha accompagnato per anni la nostra storia. Allora la vita esteriore diventa frammentata, quella interiore inerte". Al termine della solenne celebrazione eucaristica (ore 11), il parroco scenderà con il Santissimo Sacramento dalla scalinata dell'Abbazia per la tradizionale processione.

Altre Notizie