Grottammare celebra la Giornata monidale del Rifugiato

Non ci sono mai stati così tanti sfollati nel mondo come oggi

Onu, nuovo record di rifugiati: 65,6 milioni nel mondo

Il 20 giugno si celebra la Giornata Mondiale del Rifugiato, l'appuntamento annuale istituito dall'Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 20 giugno del 2001 per celebrare l'approvazione della Convenzione relativa allo statuto dei rifugiati siglata nel 1951 e allo stesso tempo sensibilizzare l'opinione pubblica sulla condizione dei migranti in cerca di protezione e richiedenti asilo, costretti a fuggire dalla propria nazione in guerra o per salvare la propria famiglia e la propria incolumità da minacce e violenze di vario tipo.

Ai dipinti, esposti integralmente, saranno affiancate delle fotografie prodotte dal fotografo Riccardo Bandiera, incaricato di documentare le varie fasi del progetto, e l'iter che ha portato al risultato finale, con l'intento non solo di rendere "leggibile" la dimensione progettuale e fattiva degli elaborati, ma anche di aiutare il fruitore a percepire il clima in cui il lavoro si è svolto ed avvicinarlo alla quotidianità della vita dello SPRAR. Di essi oltre 21 milioni hanno ottenuto lo status di rifugiato, mentre 10 milioni sono gli apolidi che hanno perso la cittadinanza di origine senza ottenerne una nuova. "Dobbiamo fare di più per queste persone". L'Unhcr insieme all'Associazione Italiana Calciatori e Liberi Nantes, con il sostegno di AS Roma, organizza una partita amichevole tra una squadra di stelle del calcio e dello spettacolo e la Liberi Nantes, squadra di richiedenti asilo e rifugiati, in un incontro che vuole essere simbolo dell'integrazione possibile attraverso lo sport. L'evento si tiene il 18 giugno (ore 17) presso lo Stadio Tre Fontane. Martedì 20 giugno alle ore 18.30 in piazza Kursaal si svolgerà la prima parte del Treno dei Diritti di intrattenimento musicale. La manifestazione è organizzata in collaborazione con l'Associazione Anelli Mancanti e Oxfam Firenze.

Nella serata, dalle 19.30, nella Casa del Teatro Ragazzi e Giovani di corso Galileo Ferraris 266, verrà proposto il progetto Melting Pot, promosso dal Centro Interculturale e dalla Fondazione Teatro Ragazzi e Giovani Onlus, con due iniziative culturali volte a favorire l'accoglienza e l'inclusione dei richiedenti o titolari di protezione internazionale o umanitaria inseriti nel Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati (SPRAR) attuato dal Servizio Stranieri della Direzione Politiche Sociali del Comune di Torino. Per questo motivo chiediamo alle persone di mostrare solidarietà ai rifugiati incontrandoli durante una giornata di "porte aperte" dei centri di accoglienza.

Altre Notizie