Giornata Mondiale del Rifugiato

Non ci sono mai stati così tanti sfollati nel mondo come oggi

Onu, nuovo record di rifugiati: 65,6 milioni nel mondo

Il 20 giugno si celebra la giornata mondiale del rifugiato. Con l'aiuto di Francesca Randazzo ed Adamo Toma i beneficiari, dotati di uno smartphone, hanno girato in città, ritraendo se stessi, le persone con cui sono in contatto, luoghi familiari e nuovi spazi di incontro, attraverso un susseguirsi di immagini, parole e musiche come attestazione di quella presenza e di quel punto di vista che spesso non è reso troppo visibile.

Nel Rapporto 2016-2017 Amnesty International denuncia che 36 paesi hanno violato il diritto internazionale rimandando illegalmente i rifugiati in paesi dove i loro diritti umani erano in pericolo."Accettando invece di condividere le responsabilita' per la protezione dei rifugiati - ha concluso Maria Giuly Latini - i governi possono dimostrare una vera leadership e la reale intenzione di investire nella vita e nel futuro delle persone". Non mancherà lo sport grazie al circolo di Ponte San Lorenzo che ha organizzato un quadrangolare di calcio il 28 di questo mese. Il 18/06 ore 17.00 presso lo Stadio Tre Fontane a Roma. "Al MAXXI: "S.O.S. - Save Our Souls di Achilleas Souras, un progetto per recuperare i giubbotti di salvataggio usati da rifugiati e migranti durante le traversate del Mediterraneo e trasformarli in igloo-rifugio; Mostra fotografica "#WithRefugees" negli spazi della Galleria Alberto Sordi con 8 maxi-foto di Francesco Malavolta, Alessandro Penso e Alessio Romenzi. Interverranno Lucia Iuzzolini, referente dell'ufficio legale del Sistema Centrale del Sistema di protezione per richiedenti asilo, e Dario Belluccio, avvocato e membro del Direttivo Associazione Studi Giuridici sull'immigrazione, modererà l'avvocato Claudio di Pietro, legale dell'Associazione "dalla parte degli ultimi", ente gestore dei servizi dei due progetti SPRAR.

A Marsala, la "Giornata Mondiale del Rifugiato" ha visto ieri diversi appuntamenti iniziati in mattinata con una partita di cricket promossa dalla delegazione regionale della Federazione Cricket Italiana e sostenuto dal CONI, dall'UNHCR-Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati e dalla Croce Rossa Italiana.

L'Unhcr stima che, alla fine del 2016, almeno 10 milioni di persone risultavano prive di nazionalità o a rischio apolidia.

I bambini costituiscono la metà dei rifugiati del mondo. Appuntamento il 20 giugno presso la Sala dell'Associazione Stampa Estera, in Via dell'Umiltà 83/c.

Altre Notizie