Blue Whale, prima persona indagata in Italia

Blue whale chiede a una romana dodicenne di tagliarsi le vene prima indagata per l'istigazione al suicidio

Computer

Arriva il primo indagato a Milano in uno dei diversi fascicoli avviati seguito a denunce sul presunto fenomeno della 'Blue Whale', il gioco che porterebbe gli adolescenti ad atti di autolesionismo. Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, la giovane avrebbe convinto una ragazzina di 12 anni, che vive tra Roma e Milano, a procurarsi alcuni tagli alle braccia e a inviarle le foto via Instagram come prova del test superato. Nei prossimi giorni si terrà un accertamento irripetibile per stabilire il tipo di messaggi inviati e se davvero la 20enne ricopra il ruolo di curatore del gioco: ovvero colui che spinge altri alle sconsiderate prove di coraggio. riproduzione riservata ®.

La ragazza, a cui la polizia postale ha sequestrato un computer e un cellulare, è iscritta nel registro degli indagati con l'ipotesi di reato di istigazione al suicidio.

Sul tavolo del pm milanese sono arrivati una ventina di fascicoli che riguardano una cinquantina segnalazioni, inoltrate da genitori e insegnanti, su altrettanti giovanissimi che nelle ultime settimane avrebbero aderito alla Blue Whale.

Altre Notizie