"Tagliare la gola agli infedeli". Arrestato richiedente asilo a Crotone

Terrorismo arrestato a Crotone 29enne iracheno

Terrorismo arrestato a Crotone 29enne iracheno"Tagliare la gola agli infedeli Oggi alle 08

È una delle intercettazioni che hanno portato all'arresto a #crotone di Hussein Abs Hamir, un richiedente asilo di 29 anni, con l'accusa di fare propaganda a favore del #terrorismo di matrice islamica.

In alcune conversazioni con la sorella, le diceva di voler rimanere in Italia per "redimere gli infedeli". 414 comma 4 e 270 sexies c.p.; 1 D.L. 625/79 convertito in Legge 17/1980, ovvero per aver pubblicamente fatto apologia dello Stato Islamico, associazione con finalità di terrorismo internazionale, così istigando alla partecipazione alla medesima organizzazione terroristica internazionale ed alla perpetrazione di atti violenti con finalità terroristiche. L'uomo guardava video dello Stato islamico e inneggiava alle stragi, in più occasioni avrebbe apertamente manifestato la sua appartenenza al Califfato. Alla sorella l'iracheno riferisce infatti che nonostante qualcuno gli avesse chiesto di tornare nel suo paese per prendere parte alla guerra santa dell'Isis, proprio la condivisione dei principi del jihad lo avrebbero invece spinto a rimanere in Italia per "redimere gli infedeli".

Sul suo profilo Facebook esultava inneggiando al "jihad" mentre postava filmati che esaltano gli attentati terroristici eseguiti da affiliati dall'Isis in tutto il mondo, compreso quello compiuto a Manchester il 22 maggio scorso, che ha provocato 23 morti e 122 feriti.

Dall'inchiesta è emerso inoltre che l'uomo svolgeva l'attività di proselitismo nei confronti dei migranti ospitati nel Centro Sprar di Crotone fornendo notizie, chiarimenti e materiali dello Stato Islamico. Secondo Minniti, "la nostra Polizia, coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro, ha svolto un ottimo lavoro a conferma che il sistema di prevenzione e sicurezza sta funzionando".

Altre Notizie