Giornata contro omofobia, 120 coristi alla Notari

Giornata contro l'omofobia, i colori dell'arcobaleno illuminano le Porte Prætoriane

Giornata contro omofobia, 120 coristi alla Notari

"La Giornata internazionale contro l'omofobia richiama l'attenzione sulla violenza che ancora oggi la comunità LGBT subisce, a partire da quei Paesi in cui l'omosessualità è un reato punito con la pena di morte, con il carcere o con i 'campi di rieducazione, come quelli recentemente denunciati in Cecenia".

Un dato su tutti: a 11 anni dalla nascita del servizio gestito dal Gay Center sono circa 220mila le persone che hanno chiesto aiuto da tutta Italia. Anche Mario Serpa, ex fidanzato del famoso tronista, ha ricordato la ricorrenza pubblicando una propria foto, sotto la quale ha poi urlato 'Basta all'omofobia' attraverso l'hashtag #StopOmofobia. "Per l'alto valore dell'iniziativa, le SS.LL. sono pregate di assicurare un'ampia e tempestiva diffusione della presente nota presso le istituzioni scolastiche". Dopo un controllo delle notizie sui media locali e nazionali, Arcigay comunica che nell'ultimo anno si sono verificati 196 episodi di omofobia e transfobia (quasi il doppio rispetto a quelli dell'anno precedente). Ringrazio le amministrazioni comunali di Ragusa, Scicli, Pozzallo e Santa Croce Camerina per la solidarietà, vicinanza e celebrazione di questa giornata di memoria con il gesto simbolico dell'esposizione della bandiera Arcobaleno. Si pensi ai tanti casi di "sindaci e amministratori ribelli" che si sono rifiutati di celebrare matrimoni omosessuali e alla risonanza che questi gesti plateali hanno avuto. Non si tratta quindi di un censimento esaustivo del fenomeno, semmai di una fotografia che all'interno del fenomeno complessivo dell'omotransfobia permette di distinguere i contesti e le forme in cui si verifica.

La campagna di sensibilizzazione contro l'omofobia, per l'associazione Arcigay Ragusa - afferma il presidente Arcigay Igor Marco Garofalo - è considerata come momento importante di riflessioni e azioni per denunciare e lottare contro ogni violenza fisica, morale o simbolica legata all'orientamento sessuale. Gli estensori del report stigmatizzano un'omofobia istituzionale che ha un effetto a cascata su tutte le altre forme di hate speech e hate crimes, in virtù della legittimazione che ad essi forniscono. Perché arriva ad un anno dall'approvazione della legge Cirinnà sulle unioni civili - era l'11 maggio 2016 - e perché porta il Bel Paese a fare un bel balzo in avanti nella classifica internazionale per la tutela dei diritti delle persone omosessuali, trans, bisex e intersessuali. L'iniziativa, che prevede lo scatto di fotografie che rappresentino la lotta (culturale) contro l'omofobia, fino ad ora ha coinvolto centinaia di persone.

Altre Notizie