Palermo: Indagata Simona Vicari, favori a Morace in cambio di rolex

Dopo arresto Fazio è caos politico

Elezioni Trapani, ''operazione mare mostrum'': arrestato l'ex sindaco e candidato Girolamo Fazio

In cambio di un Rolex datole dall'imprenditore, avrebbe presentato un emendamento che abbassava dal 10 al 4% l'Iva sui trasporti marittimi, determinando un risparmio di milioni di euro per la società di Morace.

Tra gli arrestati dai carabinieri, in un'operazione anticorruzione coordinata dalla Procura di Palermo, c'è anche il deputato regionale Girolamo Fazio, ex esponente di Forza Italia, ora al Gruppo misto all'Ars.

"L'indagine - si legge nel comunicato ufficiale dei Carabinieri - è stata incentrata sulla figura dell'armatore Ettore MORACE, proprietario della Liberty Lines - compagnia di navigazione con sede in Trapani e leader nel settore del trasporto passeggeri su imbarcazioni veloci - e prendeva avvio dal riscontro di gravi irregolarità circa l'affidamento, proprio a favore della Liberty Lines, dei servizi di collegamento a mezzo unità veloci per le isole Egadi ed Eolie".

Al centro dell'inchiesta ci sarebbero delle tangenti sui fondi riguardanti il trasporto marittimo nella città. Ma un dato è chiaro: dopo la notizia della richiesta di sorveglianza speciale per l'altro candidato Sindaco Antonio D'Alì, le elezioni a Trapani piombano davvero nel caos. Montalto è il segretario particolare dell'assessore regionale alle Infrastrutture Giovanni Pistorio. Ex alleato del senatore D'Alì, ora suo concorrente alle prossime Amministrative, ha poi lasciato Forza Italia. Fazio e Morace hanno stretto un rapporto duraturo per anni, tanto che - riferisce Repubblica - la moglie del padre dell'armatore, Anne Marie Collart, era tra i papabili per una carica da assessore in caso di vittoria di Fazio alle amministrative.

Fazio è il secondo candidato sindaco di Trapani che subisce un provvedimento della magistratura.

Tale annullamento era stato operato dalla Regione Siciliana, a causa delle riscontrate sovracompensazioni. Il deputato regionale è stato sindaco di Trapani fino al 2012. Il procuratore di Palermo Francesco Lo Voi ha sottolineato la rapidità con cui anche l'ufficio dei gip si è mosso e la novità di due comandi provinciali dell'Arma, Palermo e Trapani, che hanno lavorato insieme.

Altre Notizie