Mille Miglia, prima tappa in Veneto: 400 auto storiche e piloti vip

Campanelli  LaPresse

Campanelli LaPresse

Parte oggi, 18 maggio, la Mille Miglia 2017. Inseguono i bresciani Andrea Vesco e Andrea Guerini su Alfa Romeo 6C 1750 GS del 1931 e il palermitano Giovanni Moceri con il copilota Daniel e Bonetti sempre su Alfa Romeo 6C 1750 GS del 1930, entrambi gli equipaggi sono tra i favoriti della competizione.

Tutti i diritti di utilizzazione economica previsti dalla legge n. 633/1941 sui testi da Lei concepiti ed elaborati ed a noi inviati per la pubblicazione, vengono da Lei ceduti in via esclusiva e definitiva alla nostra società, che avrà pertanto ogni più ampio diritto di utilizzare detti testi, ivi compreso - a titolo esemplificativo - il diritto di riprodurre, pubblicare, diffondere a mezzo stampa e/o con ogni altro tipo di supporto o mezzo e comunque in ogni forma o modo, anche se attualmente non esistenti, sui propri mezzi, nonché di cedere a terzi tali diritti, senza corrispettivo in Suo favore. La gara che quest'anno celebra i novant'anni vede ai nastri di partenza ben 430 splendide vetture che timbreranno in Piazza del Popolo alle 10 circa. Da lì le vetture coprono d'un fiato la distanza che conduce a Cittadella, Asolo e Castelfranco Veneto fino all'ultima "parata" nel cuore di Padova, a Prato della Valle. Dalla secolare Urbino alla "romanica" Gola del Furlo, lasciando poi il territorio pesarese, a favore di Gubbio per poi scendere a Roma per l'arrivo della seconda tappa.

E' partita la Mille Miglia da Brescia il 16 maggio, ritorno il 21 dopo quattro tappe.

Nel terzo giorno inizia la risalita dell'Italia, per avviarsi poi alla conclusione. In seguito, i passaggi principali saranno a Montecatini Terme, Pavullo nel Frignano e infine la città ducale con passerella in piazza Duomo.

Domenica 21 maggio: Parma - BresciaLa conclusione della gara inizierà alle 7:30. In piazza della Repubblica, venerdì, per l'occasione, dalle 14,30 verranno installati dei gazebo dell'Aci storico e del club Borzacchini Historic.

"In una fase storica, quella attuale, che tende a rendere tutto piuttosto omogeneo - ha detto il presidente di Aci Reggio Emilia, Marco Franzoni - la Mille Miglia è controcorrente: è una manifestazione che esalta le differenze, grazie ai modelli di auto d'epoca, fra loro diversi, originali e bellissimi".

Altre Notizie