La Svezia archivia le indagini su Assange, ma Scotland Yard non molla

La procura svedese fa cadere l'accusa di stupro per Julian Assange

La decisione svedese arriva dopo la liberazione di Chelsea Manning negli Stati Uniti. Credits Reuters

La procura svedese ha deciso di archiviare le indagini sulle accuse di stupro nei confronti di Julian Assange perche' non c'è la possibilità di arrestarlo "per l'immediato futuro". Lo ha detto Julian Assange affacciandosi al balcone dell'ambasciata dell'Ecuador a Londra. I procuratori svedesi hanno ora abrogato il mandato di arresto. I procuratori svedesi hanno ora abrogato il mandato di arresto.

Intanto si è appreso che la sorveglianza a Julian Assange, rifugiatosi dal 2012 nell'ambasciata dell'Ecuador a Londra, è costata milioni ai contribuenti britannici.

Tutti i diritti di utilizzazione economica previsti dalla legge n. 633/1941 sui testi da Lei concepiti ed elaborati ed a noi inviati per la pubblicazione, vengono da Lei ceduti in via esclusiva e definitiva alla nostra società, che avrà pertanto ogni più ampio diritto di utilizzare detti testi, ivi compreso - a titolo esemplificativo - il diritto di riprodurre, pubblicare, diffondere a mezzo stampa e/o con ogni altro tipo di supporto o mezzo e comunque in ogni forma o modo, anche se attualmente non esistenti, sui propri mezzi, nonché di cedere a terzi tali diritti, senza corrispettivo in Suo favore.

Dopo l'annuncio della richiesta di archiviazione un'immagine sorridente di Assange è stata diffusa sul suo profilo Twitter.

La chiusura dell'indagine presenta un'importante svolta per il fondatore di Wikileaks, in quanto potrebbe, come suggerito dal suo difensore E. Samuelson, far cadere il mandato di cattura internazionale che lo costringe a vivere, dal 2012, segregato nell'ambasciata dell'Ecuador a Londra. Le accuse erano state avanzate sulla base della denuncia di due donne che, dopo aver avuto rapporti consensuali con Assange, gli avevano imputato di essersi, ad un certo punto del rapporto, tolto il preservativo. Recentemente il nuovo direttore della Cia, Mike Pompeo, ha definito WikiLeaks "un servizio d'intelligence non statale ostile" agli Usa.

Altre Notizie