MotoGP™, le libere in Texas vanno a Marquez

MotoGp- Tra le cadute comanda Vinales

MotoGP™, le libere in Texas vanno a Marquez

Ma meno di tre decimi più veloce della sorpresa Johann Zarco, il migliore dei piloti Yamaha sul giro secco. I piloti della classe regina, dopo il Venerdi di Prove Libere, sono pronti a scendere nuovamente in pista per questo terzo turno che sarà decisivo per decretare i piloti che accederanno direttamente alla Q2 di questa sera. La cosa positiva è che nel corso della giornata siamo stati in grado di completare un sacco di lavoro e di provare tutti gli pneumatici, anche quelli soffici, per vedere come reagiva la moto. Dunque, era più complicato migliorare i tempi della FP2. Nel pomeriggio poi abbiamo fatto un passo avanti con l'elettronica, trovando una base abbastanza buona, anche se vogliamo ancora risolvere alcuni dettagli per migliorare il comportamento della moto sugli avvallamenti. Del resto il #93 è conscio del fatto di aver dovuto utilizzare una gomma soffice al posteriore per realizzare il suo tempo. Una Honda, tre Yamaha, ancora una Honda (Pedrosa) e - finalmente - la prima Ducati: è la Gp17 di Andrea Dovizioso (-0.769), che precede Crutchlow (Honda) e Folger (l'altro esordiente della Yamaha da tenere d'occhio), quindi la Rossa del 2016 in versione Pramac, guidata da Redding. Il francese Campione in carica della Moto2 lavora molto sul passo gara, poi monta le gomme nuove e sigla un tempo che gli vale la prima posizione provvisoria prima, e la seconda casella, sempre virtuale, dopo a soli 286 millesimi da Maverick Vinales.

"Non ho idea del perché, ma sembra che quando hai un motore migliore anche il telaio funzioni meglio".

Fonte Sky Sport MotoGp
Fonte Sky Sport MotoGp

Se c'è qualcosa di cui Rossi si lamenta, questo è sicuramente lo stato dell'asfalto del tracciato texano, definito davvero pessimo: "La pista è peggiorata moltissimo rispetto all'anno scorso e non me lo aspettavo".

Altre Notizie