Parigi, sparatoria sugli Champs Elysees: cosa sappiamo

Parigi, sparatoria sugli Champs Elysees: cosa sappiamo

Parigi, sparatoria sugli Champs Elysees: cosa sappiamo

Evacuata la zona, elicotteri volteggiano sulla zona, la polizia chiede attraverso i media a tutti i parigini di evitare la zona. Il sindacato di polizia annuncia che anche il secondo poliziotto è morto. L'assalitore ucciso era conosciuto alle forze dell'ordine, schedato con la lettera S, che indica gli individui radicalizzati a rischio di perpetrare attentati. Anche l'assalitore è stato ucciso dalla reazione degli agenti.

Abdel, un testimone, mostra a RaiNews24 il video girato col telefonino del momento dell'aggressione sugli Champs Elysees: "Ecco vedete il camion della polizia, qui c'è una persona a terra".

"Siamo convinti" che quello di stasera è stato un assalto di "tipo terroristico", questo il commento a caldo del presidente Hollande che ha promesso "vigilanza assoluta rispetto al processo elettorale". Chiuse per precauzione la stazione della metropolitana Franklin Roosevelt e George V.

L'attacco è avvenuto davanti a uno negozio di "Marks & Spencer", grande magazzino britannico. "Condoglianze" alla Francia per quanto accaduto a Parigi: "sembra terrorismo". L'operazione di polizia è ancora in corso. Obiettivo del jahidista sono i poliziotti francesi, che sono stati presi di mira con lo kalashnikov. La zona è sorvolata da un elicottero. L'attacco si è svolto proprio durante l'ultimo dibattito televisivo fra i candidati.

"Viste le testimonianze, ci sarebbe solo un aggressore", ma al momento "non possiamo escludere che ci sia uno o diversi complici". L'uomo in fuga si sarebbe nascosto in un garage della zona. Il poliziotto è ferito alla testa. Una notte di terrore, l'ennesima, per il popolo francese. Nel giro di pochi minuti l'intera area è stata blindata con centinaia di uomini della gendarmeria e delle forze speciali. Un policier tué, un autre blessé.

Altre Notizie