Attentato Isis a Parigi, come si sono mossi i Servizi segreti francesi?

Robert Pratta  Reuters

Robert Pratta Reuters

L'Isis, che ha rivendicato l'attentato, ha indicato come complice tale Abu Yousif al-Belgik, il quale però è una persona differente rispetto a quella individuata dalle autorità belga. Diverse armi sono state ritrovate nell'auto dell'assalitore. Per l'app Saip non c'è stato nessun attacco Attentato a Parigi.

L'attentatore sarebbe noto dalle forze dell'ordine francesi, che lo avevano schedato come: individuo radicalizzato a rischio di perpetrare attentati. Il presidente Hollande è intervenuto subito in una conferenza organizzata pochi minuti dopo e le sue parole non tranquillizzano nessuno: potrebbe infatti trattarsi di terrorismo, il presidente francese è anzi sicuro di ciò. L'assalitore è sceso da un'auto e ha aperto il fuoco contro il furgone della polizia, riferisce il portavoce del ministero dell'Interno, Pierre-Henry Brandet. Il procuratore della Repubblica francese ha fatto sapere che l'identità del terrorista è stata stabilita, ma non ha confermato le generalità diffuse da Amaq "per non compromettere le indagini". Lo riferisce il Site, l'organizzazione Usa che monitora i siti jihadisti.

Decine di auto della polizia sono ferme ai piedi dell'Arco di trionfo.

E d'altra parte gli attentati generano paura, e la paura scatena la rabbia popolare contro l'Europa e porta voti alla destra che da tempo la sta cavalcando. Poi il panico in strada...

"L'attacco, a colpi di kalashnikov ("una sparatoria violenta", secondo i primi testimoni"), è avvenuta davanti a uno negozio di "Marks & Spencer", grande magazzino britannico. Il suffisso conferma l'indiscrezione che l'uomo sarebbe originario del Belgio. Il suo domicilio belga sarebbe stato già perquisito.

Alle 21.30 nello studio del canale France 2 si è appreso dell'attentato quando stava parlando il candidato socialista Hamon.

Gli arresti a Marsiglia Questa sera si è saputo che i due uomini arrestati a Marsiglia martedì, Clèment Baur di 23 anni e Mahiedine Merabet di 29 anni, perché sospettati di preparare un attentato, si apprestavano a commettere più azioni terroristiche prima delle elezioni e non quindi un'unica azione kamikaze. Il terrorismo mira, per definizione, ad alterare il corso normale della vita politica di un paese, e un attentato a tre giorni dal voto è il modo più efficace per condizionarla. Anche Le Pen e Fillon hanno annullato gli ultimi comizi previsti per oggi, confermati invece da Macron, Melenchon e Hamon.

Altre Notizie