"Spese pazze" al Pirellone: le richieste di risarcimento della Regione

20170419_125115_635B4A31

Rimborsopoli al Pirellone, R. Lombardia chiede 3,4 mln di danni

0La cifra della provvisionale chiesta ammonta esattamente a 3.400.287 euro: è poco meno rispetto al conteggio riportato nella memoria scritta dall'avvocato Forloni in quanto Mario Sala deve essere escluso dall'elenco perché, ieri, è stata approvata la sua proposta risarcitoria.

Tra ex e consiglieri ancora in carica, sono in tutto 57 gli imputati nel processo milanese.

Il Pirellone, che per quantificare il risarcimento somma i fondi percepiti irregolarmente e il danno d'immagine causato alla Regione, chiede a Galli 1.241.567,7 euro (con una provvisionale di circa il 50% del totale e il sequestro conservativo dei beni); a Boscagli una somma "provvisoria" di circa 116mila euro e di quasi 30mila euro a De Capitani. Tra le cifre più alte richieste (oltre a quella di Galli) ci sono i 439 mila all'ex capogruppo del Pdl PaoloValentini Puccitelli e i 414 mila all'ex presidente leghista del consiglio regionale ed ex assessore Davide Boni. Tra i rimborsi che vengono contestati all'esponente del Carroccio, per il quale la Procura ha sollecitato 6 anni di carcere per truffa e peculato, ci sono i 6mila euro per il pranzo di nozze della figlia.

Nei confronti degli altri 29 imputati, di cui è stata comunque chiesta la condanna alla pena che il Tribunale riterrà più adeguata, la Regione ha revocato la costituzione di parte civile in quanto hanno già risarcito il danno. Il legale del Pirellone, nel suo intervento, ha spiegato che "le spese esposte erano già coperte dall'indennità".

L'avvocato della Regione, oltre a specificare che le spese di rappresentanza non riguardano i consiglieri ma solo gli assessori, ha parlato di violazione del "dovere di documentazione" delle cifre messe in conto al proprio gruppo consiliare e di "dolo palese". "È un manifesto di indifferenza rispetto al doveroso controllo della spesa pubblica che chi ha un ruolo nell'amministrazione deve effettuare". Appuntamento in aula il 10 luglio.

Altre Notizie