Morto costruttore Claudio De Albertis

Morto costruttore Claudio De Albertis

Morto costruttore Claudio De Albertis

Il presidente della Triennale, Claudio De Albertis, scomparso ieri dopo una lunga malattia, era nato a Genova nel 1950. Seguirono quelle dell'In-Arch (Istituto nazionale di architettura) e dell'Ance (Associazione nazionale costruttori edili), oltre alla partecipazione alla Camera di commercio di Milano e a quelle in numerosi consigli di amministrazione di società (tra le quali la Greenway, la Milano Serravalle e l'Istituto Diocesano per il Sostentamento del Clero). Cinque anni fa fu nominato presidente della Triennale di Milano. Ma con passione dedicò più di trent'anni della sua vita anche all'associazionismo: si ricordi, da ultimo, la presidenza prima di Assimpredil-Ance (costruttori milanesi) e poi di Ance nazionale.

Per tutta la vita ha lavorato in ambito urbanistico per ripensare le città "a misura d'uomo" partecipando alla costruzione di grandi e importanti complessi immobiliari. Qui Claudio ha mostrato un amore per l'arte, il design e l'architettura che unite a un grande senso del servire le istituzioni pubbliche, hanno reso la Triennale una eccellenza museale mondiale, ma anche uno dei fattori di successo di Expo.

Dalla precisa convinzione - dichiara Giovanna Melandri, presidente della Fondazione MaXXI - "che i consumi culturali vadano sempre facilitati e sostenuti", nasce pertanto la possibilità di accedere ai due musei con un unico biglietto da 15 euro, valido dal 7 dicembre 2016 al 31 dicembre 2017 e utilizzabile per un solo ingresso a ciascuna delle sedi espositive. Sotto la sua guida la Triennale di Milano ha rafforzato il proprio protagonismo sulla scena nazionale e internazionale": "così il ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo, Dario Franceschini si stringe alla famiglia di De Albertis. "Inaugurarla senza di lui mi procura dolore".

Altre Notizie