CUNEO. Si rompe barella, paziente cade e muore

Cuneo si rompe la barella paziente cade e muore. La procura ipotizza omicidio colposo. Cinque indagati

Si rompe la barella, 74enne cade e muore al Santa Croce di Cuneo

È morto in corsia, all'ospedale Santa Croce di Cuneo, dove lo stavano trasportando per essere sottoposto a un trattamento terapeutico.

La magistratura vuole appurare se vi siano state delle responsabilità nella caduta, se ci sia sta negligenza.

Carlo Bono era un impresario, ormai in pensione, molto conosciuto in citta Lascia la moglie e tre figli.

Come spiega Barbara Motta su La Stampa il sostituto procuratore di Cuneo ha aperto un'indagine sulla vicenda e ha inviato un avviso di garanzia con la contestazione del reato di omicidio colposo a cinque persone.

Nel registro degli indagati, secondo quanto appreso, sono finiti i nomi del responsabile della manutenzione e della sicurezza dell'ospedale di Cuneo e quello dei rappresentanti della ditta della barella.

Bono doveva essere temporaneamente trasferito dalla stanza del reparto in cui era ricoverato in un ambulatorio in cui gli sarebbe stata inserita una canula (in termini tecnici un catetere venoso centrale) per la somministrazione endovenosa dei farmaci. L'uomo cadendo ha sbattuto violentemente la testa e terra e il 16 ottobre scorso è deceduto.

L'incidente si è verificato martedì 11 ottobre. "I miei assistiti tengono a precisare di non aver nulla da rimproverare a personale medico o paramedico che, anzi, ha sempre assistito il congiunto con professionalità".

Altre Notizie