Urbino, due studenti trovati morti in casa: "Avvelenati dal monossido di carbonio"

Due studenti universitari uccisi dal monossido di carbonio

Tragedia a Urbino, morti due studenti Sono vittime del monossido di carbonio

Nel centro storico di Urbino Sono un belga di 47 anni e una donna del posto, di 50, le due persone morte in un appartamento in via delle Stallacce a Urbino per intossicazione da monossido di carbonio.

La causa del decesso la fuoriuscita di monossido di carbonio.

All'inizio si pensava a due studenti perché gli appartamenti ch si trovano in quella zona sono spesso affittati a ragazzi che frequentano l'università. Una donna, che vive nello stesso palazzo, trovata in vita dai soccorritori è stata trasportata in ospedale. Smentita la notizia che circolava nelle prime ore, secondo la quale si trattasse di due studenti universitari.

Sulla scena del crimine ci sono ancora: carabinieri, vigili del fuoco e polizia municipale. Una volta entrati in casa l'hanno trovata priva di sensi e soccorsa. Dopo aver avuto l'autorizzazione i caschi rossi hanno abbattuto la porta, dove, poi hanno riscontrato i due corpi senza vita. I Vigili del Fuoco si sono accorti che c'era una perdita proveniente dalla caldaia dell'appartamento al piano inferiore. La coppia è stata trovata in camera da letto.

Altre Notizie