Telecom Italia (+4%): ad Cattaneo, futuro è nel mobile

Telecom Italia (+4%): ad Cattaneo, futuro è nel mobile

Telecom Italia (+4%): ad Cattaneo, futuro è nel mobile

Anche gli analisti di Mediobanca Securities, nel loro rapporto odierno sottolineano come sia apprezzabile questo nuovo approccio nell'affrontare il potenziale aumento della concorrenza. Hanno annunciato che la stagione delle asimmetrie regolamentari è terminata. "Abbiamo fatto una valutazione in sintonia con il nostro piano, che in sostanza significa costruire una Metroweb su scala nazionale, sfruttando le sinergie tra le città che Metroweb ha cablato e quelle che vogliamo cablare noi". Non esattamente un concetto liberista, ma questa è probabilmente una delle motivazioni che hanno contribuito alla scelta finale. "Non so quanto tempo sia stato all'Enel e quanto si sia occupato di TLC". E' quanto ha dichiarato da Francesco Starace a margine dell'assemblea degli azionisti. La scelta di CDP comunque è stata in qualche modo "politica": per valutarne la bontà non resta che attendere per vedere come si svilupperà il processo di effettiva copertura in banda ultra-larga. "Quindi se mi occupassi di energia mi preoccuperei di far pagare meno le imprese italiane".

Francesco Starace
AD Francesco Starace di ENEL

Al centro dell'audizione la difesa della rete in rame, il piano di investimenti di Telecom e alcune precisazioni nei confronti di Enel. "Investiamo anticipatamente sul mobile per dare una forte impressione alla qualità". D'altra parte gli esperti di Mediobanca manifestano un certo scetticismo nell'ingresso di Enel nel settore delle tlc, che alla fine potrebbe rivelarsi piu' complicata del previsto. E poi "siamo così sicuri che serva investire così tanto nella fibra? - ha chiesto Cattaneo -". Se il governo, lo Stato hanno bisogno di soldi mettano subito le frequenze a disposizione degli operatori. Il mancato acquisto di Metroweb, a detta del mercato, non cambia la strategia di Telecom ma, anzi, può accelerarla. La competizione fra Telecom ed Enel sulla fibra ottica si sposta anche sui territori, con l'annuncio di entrambi i gruppi di voler fare di Perugia l'epicentro dell'ultrafibra a 1000 Mega. In un'intervista al Corriere della Sera, Starace ha stuzzicato il suo avversario sulla poca dimestichezza di Tim in materia di Rab, cioè dei meccanismi della remunerazione dell'investimento in bolletta. D'ora in poi dovranno essere uguali per tutti.

Altre Notizie